ETIKA I

ALLARME PER IL TRAFFICO

http://www.etika.com
15.8.1999

81AU56

Basta con il traffico inutile

Alto Adige, Bolzano, 2 marzo 1994, p. 21

Allarme
"
Il traffico ci avvelena"
Etika: drastiche riduzioni
LŽinquinamento causato dallŽA22 è eccessivo - Appello ai politici perchè considerino e poi applichino il modello svizzero

(m.d.g.) La situazione del traffico nella Bassa Atesina continua a fare discutere. Ma questa volta siamo passati dagli auspici che il fiume di acciaio che attraversa in comprensorio non aumenti di volume (vedi interrogazione di Oskar Peterlini in merito al casello autostradale di Egna) adŽun esplicita richiesta di bloccare in Bassa Atesina "...tutta la circolazione non strettamente necessaria".

"LŽautostrada ci avvelena, ogni giorno un poŽ di più", si legge in un volantino del gruppo Etika, che fa capo a Rainer Lechner, famoso per la protesta di qualche anno fa per i topless sulle sponde dei laghi altoatesini.

"Ogni giorno 7 mila Tir e 20 mila autovetture espellono gas di scarico - si legge sempre nel documento di Etika -. Le esalazioni delle automobili contengono biossido di azoto, che con i raggi del sole sprigiona ozono. Alti valore di ozono danno vita anche a malattie croniche dei polmoni: bronchiti, asma, tosse di krupp, tumori ai polmoni. E i bambini sono i più soggetti. Basta con il traffico inutile, i nostri bambini vogliono tornare a respirare".

Il gruppe Etika ha delle richieste precise per i politici e gli amministratori. "Chiediamo ai nostri politici di assumere un ruolo guida e impegnarsi per il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  1. Basta con lŽattraversamento delle Alpi da parte dei Tir. Oltre 20 mila autovetture e 7 mila Tir transitano sullŽautostrada attraverso la nostra provincia. AllŽanno sono circa 10 milioni di veicoli (fra i quali 2,5 milioni di Tir). Ogni ora passano 1100 veicoli (284 Tir) per la Bassa Atesina. La salvezza dellŽAlto Adige è rifarsi allŽesempio svizzero, assieme al Tirolo del Nord ed al Trentino. I burocratici dellŽEuropa devono essere costretti a tutelare la popolazione, messa in pericolo da gas e rumore. Il traffico delle merci deve essere dirottato sui binari. Il traffico inutile, il turismo dei rifiuti, i traffici-truffa della Cee, i trasporti che fanno soffrire gli animali devono essere interrotti. Il traffico aumenta sempre di più anche a causa delle smisurate necessità della nostra società consumistica. LŽautolimitazione ed il ritorno ad una vita più modesta è importante. Noi consumatori possiamo sfruttare maggiormente i prodotti della nostra provincia."
  2. "Istituzione di una tassa ambientale per i Tir in transito al Brennero, vendita di adesivi come quelli in uso in Svizzera. La "migliore autonomia dellŽEuropa" lo permette. Le tasse ambientali possono essere usate per la creazione di una nuova rete ferroviaria. Creazione di segnaletica autostradale che ricordi che il traffico massiccio di Tir e autovetture danneggia la salute.
  3. Chiusura dei centri cittadini al traffico veicolare.
  4. Creazione immediata di una rete ferroviaria - proesgue il gruppe Etika -: più treni locali (...). tram a Bolzano, Merano e Bressanone, pendolini nellŽOltradige (...).
  5. Costruzione immediata di una rete provinciale di ciclabili e passeggiate.
  6. Maggiori fondi per la creazione di energie alternative e per lŽutilizzazione di materiali che non danneggino lŽambiente.
  7. ...
  8. Chiusura di fabbriche, che danno vita ai più alti valori di emissioni nocive e che non si armonizzano con i caratteri montani, agricoli e turistici dellŽAlto Adige".

La cabina su rotaia - Accuse agli amministratori - - - Index italiano - - - Retour ETIKA Start